Dax: i rompicapo elliottiani.

dax30_4.png

Primo post “live” qui sul nuovo blog…e allora “facciamo vedere che abbondiamo!” e vi posto due grafici onde pervenire ad un ragionamento più ampio che coinvolga anche altri mercati. Chi ha avuto la pazienza di leggere il post ultimo sul DowJones avrà recepito le mie attese per un inizio di storni, presentavo due varianti, in entrambe è insita una prosecuzione rialzista ma aldilà di essa tutto era focalizzato su una imminente pausa. I mercati d’oltreoceano odierni confermano quanto ipotizzato, quantomeno nel tentativo di iniziarlo. Qui sopra uno scenario sul Dax, anche qui si ipotizza una “fine corsa” e storni per i prossimi giorni, il cuneo finale è eloquente e mostra chiaramente la perdita di momentum del future. Adesso andiamo qui sotto e poi continuiamo a ragionare…

dax30_4_bis.png

Questo sopra è un ulteriore conteggio possibile, anche qui se navighiamo a vista ci accorgiamo che le attese per le sedute a venire sono di debolezza, qui però la musica cambia dopo…ovvero sto ipotizzando di essere già in una struttura correttiva che tra l’altro è tecnicamente una “running correction” ovvero fortemente bullish. Entrambe gli scenari ci indicano debolezza in arrivo ma nel primo potrebbe essere non indifferente (c’è da correggere l’intera struttura), nel secondo siamo al preludio di una bomba Bullish! In questi casi la strategia migliore è tener ben presente la possibilità di entrate short ma avere ottima accortezza nel seguire in trailing il mercato (o al limite anche fare take profit su vecchi minimi) ed essere ultra vigili per ripartenze esuberanti…potrebbero preludere a praterie rialziste. Elliott è un rompicapo e chi dice che sapremo solo a posteriori qual’è il conteggio giusto può darsi che abbia ragione…ma noi non siamo qua a fare gli accademici…siamo qua per far quattrini se possibile e allora quanto visto per me è abbastanza per essere mentalmente preparato (nei time frame inferiori) ad entrate al ribasso, se poi il mercato volasse..beh…quando io ho lo stop almeno in pari sono comunque in una botte di ferro! Ultima cosa, se osservate i conteggi del DowJones vedete che le strutture presentate non collimano con queste del Dax…è stra chiaro che qui qualcuno non dice il vero…i dati che via via aggiungeremo alla fine ci faranno, strada facendo, scartare gli scenari che perdono di attinenza..l’importante non è essere sul conteggio “magico”, ma capire la tipologia di mercato sul quale andiamo a fare “click” e buttar giù tutte le opzioni possibili onde non farsi trovare impreparati…

Nuova casa…stesse abitudini!

paperino.PNG

Un saluto a tutti i nuovi eventuali lettori che passeranno di qua grazie al network finanziario ideato e creato da InvestireOggi e naturalmente anche ai miei vecchi “aficionados” che dal pensionato BlogSpot vorranno continuare a seguire le avventure di un “Trader Errante”. Il termine errante ha per me due significati, il primo indica un continuo viaggio alla ricerca del proprio “swing” (come faceva Matt Daemon in un famoso film sul gioco del Golf) , il secondo ricorda, soprattutto a me stesso, che di coglionerie a volte si può rivoltare il mondo e dunque ne io ne credo nessuno alla fine può risultare immune da tale “giocosa” pratica…è anche vero che a dire solo cose “serie” si diventa noiosi per cui….
Un saluto è rivolto anche da parte del Dott.Moretti Adriano che accorda in via totalmente gratuita e disinteressata “aiuti umanitari” (come li chiamo io) per quella giungla che risponde al nome di “Risparmio Gestito” sperando che magari siano sempre di più i cittadini tutelati ed informati rispetto a quelli abbandonati alle grinfie di sedicenti “maghi” del settore. Poi a volte compariranno “ospiti” e quant’altro…sempre nella idea di informare liberamente (parolona…) o, per dirla da Toscanaccio, per vedere se alla fine tra tante bischerate ogni tanto ce ne scappa qualcuna seria!
Ciao
Alessandro Bertolino alias Hypertrader

Dow Jones sul breve.

dj.png

Il Dow Jones Daily fornisce degli spunti Elliottiani sulla situazione attuale dei mercati. In figura ho inserito due conteggi eloquenti descritti in stilizzazioni, direttamente sulle barre ho segnato quello che secondo me dovrebbe essere il cosiddetto “preferred count” ovvero il Count 1, evindenziato in colore rosso. A quale grado superiore appartenga la struttura qui esposta può essere dedotto (in senso probabilistico) da post precedenti sempre sul Dow che trovate più in basso e che avremo modo nei prossimi giorni di rivalutare e di correlare con quelli di altri mercati (Nasdaq). Entrambe i conteggi qui presentati evidenziano la possibilità che il mercato entri in congestione (le classiche onde 4) o non prima di un altro strappo rialzista (Count 1) o in maniera veloce e appetibile per degli short (Count 2) individuando nella trend un valido punto di arrivo. Naturalmente l’operatività va delegata ai time frame inferiori ma questa “overall picture” è secondo me importante per capire la tipologia dei movimenti a venire, va da sè che essendo un campionamento daily qualitativamente sono attesi comportamenti analoghi sulle altre piazze.

EuroFX: la griglia geometrica sul Weekly.

eurofx.png

Il future EuroFx è ad un livello resistenziale importante, non entro in meriti Elliottiani e mi limito a pure considerazioni geometriche. La griglia è costruita prendendo come retta base quella congiungente i due minimi in basso, le restanti sono spiccate da punti pivot. E’ un grafico weekly ergo propone livelli di un certo respiro ma proprio perchè estrapolati su time frame “corposo” utili da tenere sott’occhio. Su post precedenti trovate anche altre forme di canalizzazione soprattutto inerenti al trend rialzista partito un anno fa abbondante…diciamo che di “assonanze” geometriche per creare buoni swing di breve-medio periodo ce ne sono eccome dunque massima allerta…anche se il mondo intero parla di Euro alle stelle i grafici non mentono e le “micce” per battute d’arresto o anche inversioni sono li a disposizione….basta che qualcuno le accenda!

Dax: view di breve termine.

Trend cristallino sul Dax, l’unione dell’ipotetica onda 1 e del picco di onda 3 genera un fascio di trend line che canalizza il movimento del future, per ora il taglio interno ha ben supportato gli ultimi swing, più sotto il canale esterno fornisce ulteriore zona geometrica di supporto. Elliott applicato vede l’attuale lateralizzazione come un’onda 4 (o possibili estensioni di onda 3), potremmo aver già trovato oggi un valido supporto per ripartire oppure trascorrere altre sedute in laterale al raggiungimento del canale esterno. A meno di rovesciamenti improvvisi ai dati attuali l’attesa è per nuovi massimi.

SP500: al massimo una pausa?

sp500.png

Non è chiaro se sia già finita l’onda 3 segnata sul grafico o manchi ancora di ulteriori strappi magari anche ambiziosi considerando le canalizzazioni verdi. Altrimenti la stessa trend verde bassa rappresenta un valido supporto e più sotto in perfetto target elliottiano di retracement quella rosa. In entrambe i casi il trend rimane Bull e dunque la ricerca di entrate per ripartenze è scontata…meglio se sui time frame inferiori al presentato. Ritengo che la struttura non sia completa e ai dati davanti ai monitor a parte turbolenze giornaliere il trend di breve termine è stabilemente long.

Euro: target raggiunto.

eurousd.png

Il cambio EuroDollaro ha raggiunto il target stimato da ben 2 canalizzazioni. Il Trend è ovviamente Bull e qualsiasi pausa può essere buona per entrare (magari con stop stretti) anche se considerando che siamo in area di doppio massimo col top storico una qualche parvenza di inversione almeno sul breve è stra-plausibile.

A Oriente dice Moretti….a oriente…

Il buon Moretti è un passionale, lui dice non ho ancora visto il fruttarolo comprare azioni ergo per me di strada all’insù se può ancora fare. Moretti guarda la borsa dal lato umano delle cose, dalla gente che vi ripone speranze o cerca di non farsele portar via, non come me, sterilizzato e asettico davanti ad un grafico col mio arsenale tecnico-tattico e forse io perdo un qualcosa, un “quid”, ha ragione lui quando me lo dice. Però ieri m’ha detto anche un’altra cosa, m’ha detto: tieni d’occhio il Giappone. E allora non conoscendo nessun giapponese (questo penso nemmeno lui…) ho preso il Nikkei, un paio delle armi meno affilate tra le mie “asettiche”, come si conviene ad un nemico che ancora non si conosce ma che occorre scrutare, ed ho buttato là un analisi. I soliti convenevoli, il solito “come stà?”, “che aria tira?”. Che c’è un trend Toro lo vedono persino…i Tori!…stasera il mio arsenale di battute è in riserva….belle canalizzazioni, bravi Giapponesi, per quanto non vi sopporto quando fotografate il chewing-gum appiccicato al palo del divieto di sosta dal lato opposto dell’opera d’arte di turno debbo dire che da 4 anni a sta parte un bel trend l’avete disegnato. Vediamo il momentum, la forza o come diavolo la chiamate la in mezzo al Sushi…il mio solito MACD (5,34)…un momentum “camomillato” ma robusto, efficace…che dire, anche voi quando c’è una divergenza sembrereste aver voglia di invertire..nel 2003 v’è riuscito…e oggi che si fa? E’ indubbio che a differenza delle baldanzose vacche grasse EuroAmericane dell’ultimo anno voi Japan al nuovo top ci siete arrivati a tentoni, a fatica, diciamocelo francamente: poca eleganza…ma d’altronde Michelangelo lo venite a vedere qua mica è venuto lui da voi…anche io cosa vado a pretendere! Gagliardo il Nikkei……

Per la prima volta insieme….

Il Texano è uno duro…lavora al floor e non si fida di nessuno, lui compra, vende, va ai brunch, ai lunch agli incontri di Golf con WarrenBuffett e poi di notte sospira, fagocita…vede, crea!!! Difficile ragionare con le mani forti…gli proponi scenari, ti dicono “interessante, ci facciamo un aperitivo?”. Io gliene avevo mandati uno dei miei e lui serafico lo studia e poi tra un whiskey ed il solito sigaro mi manda la solita mail: “ti devo correggere”. Che vuoi fare…in Texas sono fatti così! E allora il suo solito macramè, lui le charts le fa ancora a mano, come i grandi vecchi di Wally, lui la borsa la sente sotto il polpastrello mica sui giornali o le riviste del settore..ah…quante interviste gli chiedono, ma lui sogghigna e se ne va al golf con Warren! E allora mi manda la sua “visione” e mi dice che ha tenuto conto pure della mia…che onore…al floor parlano di me! Ed eccola dunque la nostra “prima volta insieme” su un conteggio Elliottiano….lui dice “fallo tu il commento…stasera devo incontrare Greenspan..povero vecchio gli sono rimaste solo le cene fra vecchie volpi”. Sai che ti dico Texano, il grafico non lo commento…e che bisogno ne ha???

SP500: lo scenario sul breve.

Sull’ultimo post indicavo il 12/4 come setup suggerito da “Fibonacci”, dicevo che è una tecnica che mi accingo a verificare adesso e dissi che forse il setup era il top segnato il 10/4 dando un margine temporale ad esso. Invece no! Il nostro Fibonacci ha indicato proprio il 12/4 quale swing solo che indicava un minimo. Questa tecnica non dice di che pasta sarà il setup e soprattutto non li becca tutti ma statisticamente un 50-60%, in questo caso avrebbe indicato il 12/4 quale minimo e avrebbe perso il massimo del 10/4. Allora inizio già a capire che non conviene dare dei margini temporali ma considerare la data precisa altrimenti nello spazio tra il 10 ed il 12 aprile abbiamo sia un max sia un min…magari era proprio questo il “setup”!!! Comunque, registro che alla sua prima uscita Fibonacci ci ha preso..sono io che erroneamente gli ho voluto attribuire la parvenza di massimo, bene, i setup sono neutri e così li andremo a monitorare via via per capire se da questa tecnica si evince notizie importanti….è ovvio che per me setup non significa “compro” o “vendo” a UFO….per me sono (o saranno) date da tener sottocchio…poi all’interno di esse sarà da ricercare pattern per capire dove andare. Veniamo al mercato…lo dicevo a fine dicembre che il primo temporale non sarebbe stato quello dell’inversione..ed oggi la conferma di nuovi top sullo SP500, il conteggio migliore è secondo me quello stilizzato in figura ed il cerchietto verde indica il “dove siamo”…il conteggio va scartato se viene brekkato il minimo di 1441,5, in quel caso va in auge la lateralizzazione che ho ipotizzato possibile nello studio di ieri sul DowJones. Ah dimenticavo…il notro amico pisano (Fibonacci) ora indica il 20/4 come data da monitorare…staremo di nuovo a vedere.