SUPERCLASSIFICA SCIO’ 29/12/2007…..

AUGURI DI BUON 2008

Buongiorno Blog’s People!
Benvenuti all’ultimo appuntamento, per il 2007, del SUPERCLASSIFICA SCIO’. Come chiusura abbiamo chiesto a Michelino (il nostro salumiere di fiducia) di non “stilare” una lista di articoli ma di compilare una lista dei suoi blogs (o siti) preferiti. Alla nostra richiesta ha risposto con un paio di bestemmie, ha buttato via la lista che aveva già scritto, ha riacceso il PC e, col suo modem 56k ha navigato per 10 lunghissime ore nella rete…….
Alla fine ci ha consegnato la lista (rigorosamente scritta a mano perchè la stampante non gli prende la carta per involtare il prosciutto) che ha titolato così:

I PREFERITI DI MICHELINO

ZENER del mitico Zener
IL LABORATORIO DELLE IDEE dell’incredibile Scaurus
ONE MORE CHOISE del grande Fabrizio Goria
FINANZA INUTILE con l’immisurabile Maciste Parpadelli
Switched Brain Technology roba da matti!!!!!!
CSI FINANZA di Nysedow, Pinele e Bac (grandiosi)
INTERMARKETANDMORE del sublime DT

La lista finisce qua……oddio, per la verità Michelino ne aveva messi 10 di siti…..ma 3 abbiamo dovuto “bannarli”….
Ma che avete capito! Mica trattavano roba “porno”….(sennò rimanevano!) solo che erano 3 blogs (o siti) che non ci piacevano…..anzi, per dirla tutta, ci da fastidio anche che Michelino li legga….
Siete curiosi, eh? Niente! Non sveleremo mai, neanche sotto tortura, i nomi dei 3 blogs……ma, se volete, al modico prezzo di 100 euro + iva potete comprare una vocale……

Gira la ruota, giralaaaaaaaaaaaaaaa!

Tanti auguri di buon anno dal team di HyperTrader al completo:
Ing. Bertolino (The President), Doc Moretti (Amministratore Delegato) e Michelino (Esperto in affettati).

Iteroll, ehhhhhhhhhhh!

Solita noia…


dow28.png


Continua il “naufragar dolce” dell’indice Americano, tutto rigorosamente a colpi strutturalmente costituiti da 3 onde. E’ impossibile al momento trovare una impulsiva in questo marasma e l’unica possibilità Elliottiana (che io riesco a vedere) è quella del solito triangolo evocato ormai da tempo dal conteggio “Pink” che rimane confermato in pieno. Dovremmo essere sull’onda E ovvero l’ultima del pattern, non è detto che debba arrivare al lato basso del triangolo comunque a rigor di logica l’evoluzione possibile da attendersi è quella stilizzata sul grafico. La figura è valida fino a che non viene oltrepassato il minimo di onda C ed il superamento del massimo di onda D è da intendersi come il completamento della stessa.

BIM, BUM, IBAN

angolo del gestito

Buongiorno Blog’s People!
Oggi voglio fare un post di “pubblica” utilità. Molti di voi saranno a conoscenza che dal 1° gennaio 2008 andranno in “pensione” (beati loro, mi viene da pensare) ABI e CAB. Infatti, da quella data, per fare i bonifici servirà solo il codice IBAN. La maggior parte di voi sa cosa è il codice IBAN…..ma, sono certo, molte altre non hanno la più pallida idea di cosa sia.
IBAN è l’acronimo di International Bank Account Number ed è composto da 27 caratteri alfa numerici così divisi:
2 “lettere” che corrispondono all’identificativo paese (es. Italia=IT)
2 “numeri” che sono le cifre di controllo
1 “lettera” che è il CIN
5 “numeri” che corrispondono al codice ABI (identifica la Banca)
5 “numeri” che corrispondono al CAB (identifica lo sportello)
12 “numeri” che identificano il vostro conto corrente (gli spazi eccedenti andranno riempiti con gli “0”).

Facciamo un esempio pratico: sono correntista di Unicredit Xelion Banca (ABI 03214), sede di Milano (CAB 01600) e il mio conto corrente è il numero 999999. Il mio codice IBAN sarà:

IT 98 F 03214 01600 000000999999

Tutto chiaro, no?
Dove lo trovo il codice IBAN?
Sicuramente lo potete trovare in alto a destra del vostro estratto conto (anche di quelli più “datati”). Se fate parte dei quella schiera di popolazione che butta via tutto (estratti conto compresi) vi basta telefonare alla vostra banca, o al vostro PF, e vi fate fornire il vostro codice IBAN.
Con affetto, il vostro adorabile Promotore di Quartiere.

Doc Moretti

PORTAFOGLIO VIRTUALE IN FONDI: TUTTO OK

var-26-12-2007.JPG

Buongiorno Blog’s People!
Prendo come scusa un articolo sul PORTAFOGLIO VIRTUALE IN FONDI per farvi gli auguri di buon Natale (in ritardo), di buon S.Stefano (in tempo) e di buon anno (in anticipo).
Come possiamo vedere dal grafico dei rendimenti c’è stata una lieve “discesa”, ma Hyper me lo aveva detto “E’ un fuoco di paglia, non c’è inversione. Pink confermato a tutti gli effetti”. Da persona coscienziosa (bisogna ascoltare chi ne sa più di noi) ho mantenuto le posizioni e…..sono stato premiato. Per ora.
Ottime soddisfazioni ci sono state date dal Pictet Clean Energy, dalla Russia (ABN AMBRO) e da Fidelity con il China Focus.
Il mercato italiano (fondo Oyster) sta facendo da zavorra, ma noi continuiamo a crederci.
Con ogni probabilità non ci saranno cambiamenti fino a dopo la Befana. Dopo vedremo.
Vi invito a segnalare dei fondi che, secondo voi, potrebbero essere inseriti all’interno del Portafoglio.
Concludo facendovi i miei migliori auguri di buone feste.
Con affetto, il vostro adorabile Promotore di Quartiere.

Doc Moretti

Real Trading


htadvice.PNG


Ho appena chiuso 2 trade anzitempo, non voglio protrarli nelle illiquide sedute natalizie e dunque prendo quello che c’è e concludo l’attività di Trading su Collective2. Dopo 2 settimane il profitto cumulato e certificato è di 1835$. Nonostante il capitale virtuale su C2 sia 35000$ io ho sempre e solo giocato 1 contratto a trade, salvo in futures con bassa leva in cui ho azzardato 2 contratti. Un trading molto accorto dunque, di operazioni in perdita ce ne sono come è ovvio che sia, le perdite sono i “costi” dell’attività, nessuna attività ne è immune. A breve dedicherò una pagina speciale per spiegare il tutto relativo alle varie modalità del servizio, per adesso auguriamo Buon Natale a tutti e vi lascio il link apposito. A fine anno torniamo con post sulla “salute” delle borse mondiali e su cosa attendersi per l’anno a venire.


SUPERCLASSIFICA SCIO’: NATALE IN CASA HYPERTRADER

caffè con Hyper

Siete caldi? Siete pronti? Avete fatto anche gli ultimi regali? A scommessa che vi manca da fare quello al parente più antipatico e più ignorante….quello che lasciate sempre per ultimo perchè “non ci voglio spendere più di 2 euro” e alla fine gli fate il regalo più costoso perchè non c’è rimasto più niente da comprare? Avete riciclato i regali che non vi piacciono? Attenti a non sbagliare destinatario! Avete continuato a fingere con i vostri figli che Babbo Natale esiste? Non vi preoccupate, sono anni che sanno che non esiste…ma fingono di crederci per non deludervi! D’accordo con Michelino, questa volta lasciamo spazio a articoli che parlano del Natale…..la consueta programmazione ripartirà col 2008!
E allora via! Si parte!

Questo Anno è Proprio un Brutto Natale. Parola di Natale Babbo e della Befana


PRESERVATIVI CON GLI OCCHI A MANDORLA

ADOTTA UN CONSIGLIERE

Stanlio & Ollio vs Babbo Natale

Babbo Natale preso a pistolettate

E…gran finale…solo per questa volta, vi permettiamo di spammare liberamente sui commenti! Quindi, concludete voi, questa settimana, il SUPERCLASSIFICA SCIO’!!!!!!!!!!!!!!!!!

ITEROLLL, EHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHH

IL GIRO DEL MONDO IN 80 GIORNI: L’ITALIA

famose du spaghi

Buongiorno Blog’s People!
Dopo aver girato mezzo mondo (e forse anche qualcosa in più) facciamo ritorno a casa. Abbiamo, volutamente, lasciato per ultima la nostra Italia. Dopo qualche mese rimettiamo piede nell’italico suolo e cosa troviamo? Troviamo poca gente dentro i negozi per fare i regali di Natale….troviamo i commercianti che si lamentano (ma che non abbassano i prezzi). Entriamo in un negozio (giusto per fare due pensierini) e scambiamo due battute col negoziante. “E’ un brutto Natale! L’anno scorso c’era la ressa….quest’anno niente…..”. “Abbassate i prezzi”, dico io, “da quando c’è l’euro la roba è raddoppiata!”. “E’ vero, ma non è colpa nostra….il mio margine è sempre del 100%. Prima mi arrivava l’articolo che costava 50.000 lire e lo rivendevo a 100.000…..oggi mi arriva a 50 euro e io lo rivendo a 100 euro….non ho aumentato i guadagni!”. Non perdo nemmeno tempo a fargli notare che sullo stesso articolo prima ci guadagnava 25 euro (le vecchie 50.000 lire) e oggi ce ne guadagna 50….. fiato sprecato. Alla fine la colpa della rovina dell’Italia saremo noi che “prendiamo” sempre il solito stipendio…..
Dopo aver visto che non è cambiato niente, passiamo ad analizzare la nostra patria come abbiamo fatto per tutte le nostre tappe precedenti.
Tralasciamo, ovviamente, i cenni storici.

CENNI ECONOMICI E DEMOGRAFICI

Con un PIL dell’1,6% ci attestiamo intorno alla 187esima posizione (solo il Portogallo, in Europa, sta peggio di noi). Abbiamo una popolazione (per età) così distribuita: il 13,7% da 0 a 14 anni; il 66,4% fra i 15 anni e i 64; il 19,9% oltre i 65 anni. Abbiamo un tasso di crescita pari allo 0,01%. Abbiamo un tasso di natalità pari a 8,5 su mille contro un tasso di mortalità pari al 10,5 su mille….
In Italia la speranza di vita alla nascita è di 80 anni e il 98,4% della popolazione sopra i 15 anni sa leggere e scrivere. Il tasso di disoccupazione è stimato intorno al 7%. Per ulteriori informazioni cliccate qui.

INVESTIRE IN FONDI, ETF E CERTIFICATES

Facciamo, per l’ultima volta, la nostra solita ricerca su Morningstar (rendimento a 3 anni e minimo 3 stelle di rating). Dall’urna escono i seguenti fondi:

FONDO R. medio D.S. SHARPE R-quadro BETA ALFA TREYNOR
FIDELITY F. ITALY cl. A 22.85% 15.42% 1.15 71.93% 1.37 5.19 13.50%
DWS Invest Italian Equities Eur 18.44% 15.71% 0.89 67.25% 1.35 1.62 10.43%
Oyster Italian Value 20.98% 14.84% 1.09 36.59% 0.94 7.60 17.69%

Situazione piuttosto strana….tutti gli R-quadro dei 3 fondi sono sotto il 75% (con Oyster addirittura intorno al 36%), questo, oltre a fari “saltare” tutti i beta e gli indici di Treynor, ci porta a fare una considerazione: i gestori stanno “giocando” fuori dal campo del benchmark per cercare i rendimenti. Questo non avviene in mercati in “crescita” (se sale basta stare nell’indice) ma è sintomo di un mercato con pochissime occasioni di guadagno. Quindi, magari, i gestori stanno mettendo in piedi delle scommesse su piccole aziende che daranno risultati non sull’immediato ma (speranza) nel tempo. Sono tre fondi che hanno sovraperformato nel passato (giocando alla grande) e che stanno pianificando il futuro. Un altro sintomo è che sta aumentando la volatilità (DS) e si sta abbassando il rendimento medio. A livello di alfa (efficienza del gestore) buonissimi risultati in casa Oyster e in casa Fidelity. Un po’ meno dalle parti di DWS.
Ora passiamo la parola a Scaurus che completerà il settore “gestito” analizzando ETF e Certificates.

Doc Moretti

ANALISI TECNICA

mibtel

Il Mibtel ci lancia un segnale non esaltante, i canali di lungo sono rotti e c’è pure un doppio massimo…è la fine? Sapete che tengo ancora intatte le probabilità di uno strappo rialzista, secondo me la fase è delicata ed anche da un punto di vista tecnico non è detto che i canali attuali siano i definitivi. In figura a linea tratteggiata vi faccio vedere come potrebbero presentarsi in caso di conferma di scenario PINK sugli americani. Il Mibtel, ad ogni modo non fornisce elementi spartiacque per capire quale dei due scenari sia quello in voga…pre la precisione, non lo permette in un tempo ragionevole ossia prima che ci sia un bel patatrack! Resto dell’idea che è il minimo di Novembre su DowJones e S&P500 ad essere l’ago della bilancia, il break di esso farà traballare e di parecchio le velleità rosee. Ora qui c’è il problema e al tempo stesso la delizia dei mercati…una tale evenienza sugli americani farebbe comunque uscire gli investitori accorti praticamente sui massimi e quindi si potrebbe dire che il Toro degli ultimi 5 anni è preso con dovizia grafica…il nostro mercatino rionale non permette questo, qui ad aspettar conferme ci si rimette le penne! Credo in ogni caso di poter confermare la view di Moretti che da giorni va ventilando: comunque vada, nuovi top permettendo, non è in casa nostra che si fanno grassi guadagni. Dal mio punto di vista un long term investor qua non ha proprio da far nulla, se si parla di speculazione allora se ne può parlare e vi lancio una verità matematica. Quando il Dax sale il nostro SPMIB sale del 30-40% in meno rispetto al teutonico…quando scende…scende molto di più! Se per gli amanti dei lunghi ed infiniti Tori la nostra Italietta è un po’ sgualcita, per i temerari dello short potrebbe essere un bel boccone!

Ing. Bertolino

Si conclude, così, il nostro GIRO DEL MONDO IN 80 GIORNI. Speriamo di esservi stati utili….noi ci siamo divertiti.
Con affetto, HYPERTRADER TOURING FINANCIAL CLUB