CLASS ACTION: SI PARTE!

class action

Buongiorno Blog’s People!
Oggi parliamo della Class Action…..un termine che ricorda, per ora, solo qualche film di matrice americana.
A breve sarà possibile anche nel suolo italico fare le “azioni collettive”.

Un’azione collettiva è un’azione legale condotta da uno o più soggetti che, membri della classe, chiedono che la soluzione di una questione comune di fatto o di diritto avvenga con effetti ultra partes per tutti i componenti presenti e futuri della classe. Gli altri soggetti della medesima possono chiedere di non avvantaggiarsi dell’azione altrui (esperendone una propria) esercitando l’opt-out right, oppure possono rimanere inerti avvantaggiandosi dell’attività processuale altrui che avviene sulla base del modello rappresentativo. Con l’azione rappresentativa (class actions) si possono anche esercitare pretese risarcitorie per esempio nei casi di illecito plurioffensivo, ma lo strumento oltre alle ben note funzioni di deterrenza realizza anche indubbi vantaggi di economia processuale e di riduzione della spesa pubblica.
(fonte Wikipedia)

Al volo, con assoluto tempismo, l’Adusbef e la Federconsumatori, si sono buttate su questa enorme opportunità. E’ fresco il comunicato stampa reperibile nel sito Adusbef (clicca qui per leggere) nel quale viene “anticipata” un’azione collettiva che “al 90% sarà promossa a tutela di milioni di risparmiatori traditi e truffati ancora una volta dal sistema bancario”, contro i 4 giganti bancari italiani a causa delle perdite subite dagli investitori nei fondi comuni.
La notizia è seria e potrebbe portare a delle conseguenze molto gravi. Però una cosa mi fa sorridere…..ed è il famoso detto “chi di spada ferisce, di spada perisce”. Mi spiego: uno degli argomenti (storici) nella trattativa di “vendita” dei Fondi Comuni è che “l’unione fa la forza“…..
Con affetto, il vostro adorabile Promotore di Quartiere.

Doc Moretti


oknotizie.gif

Per votare clicca il logo!!!!

Annunci

2 Risposte

  1. QUESTA E’ TOSTA!

  2. Ciao Moretti,

    Una domanda su come funziona la Class Action all’italiana…..
    E’ vero che possono proporla e/o gestirla solo alcuni soggetti ?
    E’ vero che a differenza di quella americana, in caso di vittoria un eventuale rimborso viene erogato solo a chi si era iscritto ?

    Spero mi risponderai con due NO, in caso contrario pervedo dei brutti pasticci all’orizzonte.

    Roberto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: