SE LA FED TAGLIA, LA BCE CUCIRA’?

Buongiorno BLog’s People!
La notizia, ormai vecchia, è che la FED ha tagliato i tassi dello 0,25. Le prime conseguenze si sono avute sulle borse asiatiche e sul cambio euro-dollaro.

L’aspettativa era di un taglio dello 0,50 quindi, questa mossa, non dovrebbe portare particolari benefici ai listini, anzi…
Secondo molti analisti, a questo punto, il prossimo taglio dovrà essere intorno al punto percentuale.
Ma la FED non si limiterà al “taglio”, ha infatti pronte delle linee di credito a 6 mesi per la salvaguardia delle cartolarizzazioni. Queste mosse, si legge, hanno come target l’aumento della liquidità nei mercati, essenziale per la crescita economica. Di chi?
Ultimamente, a fronte dei tagli della FED, non c’è stata una risposta “in linea” da parte della BCE che ha tenuto duro e non ha fatto tagli. Bravi!
Sembra quasi che la Banca Centrale Europea ci goda, in maniera particolare, a fregiarsi di un Euro dominante. Tutti che cercano di spiegare che con l’euro a questi livelli la nostra economia muore…..ma loro niente. Che cosa avranno in mente? se il loro scopo è arrivare al cambio 2 a 1 allora potremmo suggerire un aumento, a breve, dei tassi d’interesse. Che ne so….portiamoli al 5%.
Gli States tagliano perchè stanno “male”, invece, dalle nostre parti, si sta parecchio bene. Ma non riuscite a capire l’enorme vantaggio nell’avere in tasca una super moneta? Pensate solo al grande vantaggio di chi va a fare il turista! Il sogno di tutti: andare all’estero a fare signori!
Grande BCE! Grazie BCE! Forza, dai, aumenta i tassi che gliela facciamo vedere noi a questi americani!
Con affetto, il vostro adorabile Promotore di Quartiere.
Doc Moretti
Annunci

8 Risposte

  1. Ma siamo sicuri che tagliare i tassi serva ???
    Il sistema finanziario americano è in bancarotta, il buon Ben puo’ anche fotocopiarli i dollari ma non risolverà i problemi.
    Questa crisi è figlia della politica della greenFED e degli eccessi di questi anni.
    Alla fine la BCE i tassi li taglierà, ma che questo porti benefici è tutto da dimostrare.
    Cci sarebbe anche da chiarire benefici per CHI: gli investitori, i cittadini, …. o le banche e compagnia bella ?!?!
    Quando le bolle si goniano si stappa lo spumante, quando invece si sgonfiano è tempo di lacrime !!!!
    con affetto, uno del parco buoi.

  2. La pressione sta montando nei Paesi del Golfo, negati rumors di decoupling

    Finanzaonline.com – 17.3.08/10:55

    La pressione sta montando nei Paesi del Golfo per combattere l’inflazione in crescita. Lo scrive il Times, citando fonti ufficiali che hanno negato i rumors di un imminente decoupling in Qatar e negli Emirati Arabi, ma al di là di questo gli investitori stanno scommettendo sulle riforme e stanno correndo ad acquistare monete locali. E’ emerso anche che le banche centrale dei Paesi del Golfo stanno organizzando incontri per questo mercoledì e anche per il prossimo 14 aprile per discutere della possibilità di slegare le loro valute dal dollaro.

  3. x bue.
    Tagliare tassi e immettere liquidità sono le uniche armi, palesi, in mano alla FED per sostenere un’economia in depressione.
    Servono? Non servono? A chi servono? Secondo me siamo arrivati ad un livello che le domande (e le risposte) servono veramente a poco.
    Una cosa è certa: l’euro forte non serve alla maggior parte dell’europa. Forse serve alla Germania (per le caratteristiche delle sue esportazioni) e questo dimostra, se c’era necessità, che siamo in mano alla ex BundesBank.

  4. Scusate se mi intrometto.
    Non timentichiamo mai di distinguere il tasso di sconto e il tasso FED.
    La FED ha tagliato di 25 bp il tasso di sconto, mentre per il tasso FED è tutto rimandato (come da attese ) a martedì.
    Quindi il taglio di ieri è da vedere come manovra straordinaria a soccorso del sistema bancario.
    Ed in merito ai tassi FED (e poi chiudo per non t diarvi troppo) si parla addirittura di un taglio che potrebbe essere di 125 bp! Ovvero 1.25% !!!
    Scusate l’intrusione…
    Buona giornata a tutti !
    Ciao Dott e ciao HT ! 😉

  5. Ciao Dream,
    giusta precisazione…..ma il problema, o dilemma, rimane lo stesso…..
    Se la FED taglia dell’1,25%…che fa la BCE? 😡

  6. Sono d’accordo sul fatto che a crisi starordinarie servono interventi straordinari.
    Ma ribadisco, tagliare i tassi interbancari di per se non serve.
    Serve un’azione di TRASPARENZA straordinaria.
    Una banca non puo’ dichiarare che non ci sono problemi di liquidità e 24h dichiarare di fatto il default. Altrimenti i tassi possono anche essere negativi, ma la mancanza di fiducia di fatto “congela” gli scambi.
    E questa è la situazione attuale.

  7. olà,
    e che doveva fare bernanke??
    io non voglio difenderlo,ma se stava fermo come la BCE cosa sarebbe successo?,
    forse niente, ….forse non serve a niente, ma cerca di far qualcosa .
    il problema deriva dalla politica di greenspan e del credito a tutti.
    quanto alla BCE secondo me non ha gli stessi poteri della FED e cerca di barcamenarsi

  8. Intanto il crude scende 😀

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: